La lotta contro l'iniziativa per disdire gli Accordi bilaterali dell’UDC (la cosiddetta "iniziativa per la limitazione") si fa sempre più serrata. Mancano solo 23 giorni alla votazione del 27 settembre. Saremo davanti ad uno dei bivi più importanti della politica europea. In qualità di elettori, dobbiamo decidere se vogliamo continuare o meno a percorrere la via bilaterale di successo. Il testo dell'iniziativa non potrebbe essere più chiaro: se l'iniziativa sarà accettata, la Svizzera non solo dovrà porre fine alla libera circolazione delle persone con l'Europa, ma anche l'intero pacchetto degli Accordi bilaterali I sarà automaticamente abolito. I documenti per la votazione sono stati spediti in questi giorni.
 

Il vostro voto può fare la differenza

Negli ultimi mesi, i numerosi partner dell’alleanza aperta+sovrana e migliaia di sostenitori hanno già condotto una campagna attiva in occasione di eventi, di dialoghi personali, per strada, tramite lettere sui giornali o sui social media per un NO all'iniziativa contro gli Accordi bilaterali. Questo è estremamente importante. Solo insieme possiamo bocciare questa iniziativa che si spinge troppo oltre. Secondo i sondaggi, l'iniziativa si trova oggi in una posizione difficile, ma il voto è lungi dall'essere vinto. Affinché possiamo mantenere gli Accordi bilaterali e quindi i nostri buoni rapporti con il nostro principale partner commerciale il 27 settembre, questo dipende da tutti noi. Perché quello che conta davvero alla fine è il risultato della votazione e non una previsione.
 

Avete già votato?

Se avete svuotato la bucalettere in questi giorni, non vi siete certo lasciati sfuggire la busta della votazione. Prima che scompaia sotto una montagna di carta straccia, mandate un chiaro segnale e votate NO all'iniziativa contro gli Accordi bilaterali. È questo l'unico modo per vincere la votazione e per continuare anche in futuro sulla via bilaterale di successo. Informate i vostri amici e i vostri conoscenti Ordinate oggi stesso materiale gratuito per la campagna e convincete amici, conoscenti e familiari a votare NO.

Cliccate qui per ordinare materiale