Il 27 settembre voteremo sull'iniziativa contro gli Accordi bilaterali e dunque sul proseguimento degli Accordi bilaterali I tra la Svizzera e l'Unione europea. Questi permettono alle imprese svizzere un ampio accesso al mercato interno dell'UE. In termini pro capite, la Svizzera beneficia di questo accesso al mercato più di qualsiasi altro paese europeo - e questo, anche se non facciamo parte dell'UE. Ciò rende ancora più problematica la soppressione degli accordi che disciplinano le relazioni con il mercato interno dell'UE. Tutto questo è ora confermato da un nuovo studio (solo tedesco).
 

Perdite per oltre 4000 franchi pro capite all’anno

Di conseguenza, l'impatto macroeconomico dell'interruzione dei Bilaterali I per la Svizzera nel 2040 è stimato al 6,5% in meno di PIL. Ciò corrisponde a circa 4280 franchi pro capite all'anno - un calo considerevole e soprattutto a lungo termine del benessere. A titolo di paragone, la crisi petrolifera ha causato nel 1975 un crollo economico del 7,3%. Tuttavia, l'economia si è ripresa relativamente rapidamente da questo choc storico di circa 45 anni fa.
 

Potenziale di crescita limitato a lungo termine

Quindi quello che negli anni '70 è stato un breve e drastico crollo dell’andamento economico si rivelerà probabilmente il contrario quando gli Accordi bilaterali con l'Unione Europea saranno aboliti: un disastro continuo senza fine. Dopo tutto, la perdita di una partecipazione paritaria al mercato interno europeo aumenterà i costi e l'incertezza giuridica per le imprese locali. Questo effetto negativo è aggravato dalla già prevalente carenza di lavoratori qualificati, perché la reintroduzione del vecchio sistema di quote renderebbe molto più difficile la migrazione e quindi l'accesso ai lavoratori qualificati.
 

Il settore dei beni d’investimento presenta grossi problemi

Secondo gli autori dello studio, il settore secondario sarebbe il più colpito. Da un lato, l'industria si impegna in un maggior numero di scambi transfrontalieri. D'altra parte, l'Accordo sugli ostacoli tecnici al commercio è stato particolarmente orientato al settore manifatturiero, che rappresenta la parte del leone nel settore secondario. Rispetto ad altri Paesi industrializzati occidentali, il settore secondario rappresenta una quota superiore alla media dell'economia svizzera. L'intero settore dei beni di investimento, compresi i metalli, i macchinari, le apparecchiature elettriche e i veicoli, perderebbe quasi il 12% del suo valore aggiunto entro il 2040, quasi il doppio dell'economia nel suo complesso. L'impatto sulla maggior parte delle industrie dei servizi sarebbe decisamente inferiore.
 

Colpiti tutti i settori

Se si osservano i risultati per settore, ci sono quindi differenze significative. Tuttavia, il comune denominatore è che nessuna industria può sfuggire agli effetti negativi. Secondo lo studio, anche il commercio e le altre imprese attive principalmente sul mercato interno svizzero subirebbero le distorsioni economiche. Da un lato, ciò vale per le imprese che forniscono prodotti intermedi alle industrie esportatrici. Il 75% del lavoro preliminare per le esportazioni svizzere viene svolto in questo paese - un valore che è rimasto costante per anni e nonostante la forza del franco svizzero. D'altro canto, l'economia locale beneficia dei flussi di reddito provenienti dall'estero, che aumentano la domanda in altri settori. Inoltre, vi sono ulteriori effetti sistemici derivanti dalla mutata attrattività dell'attività locale e della localizzazione degli investimenti. Un esempio è l'abolizione dell'accordo sul trasporto aereo o dell'accordo sulla ricerca. Nell'ambito degli accordi bilaterali, un voto favorevole all'iniziativa per la limitazione significa anche la fine di questi accordi. Di conseguenza, i due settori specifici del trasporto aereo e della ricerca limiterebbero la capacità innovativa di numerosi altri settori nonché l’accesso a potenziali mercati e, viceversa, al mercato svizzero. Questi effetti sistemici non riguardano quindi i singoli settori, ma l'economia nel suo insieme. E alla fine, ognuno di noi ne risentirebbe economicamente. La conclusione cui sono giunte le due Camere di commercio e dell’industria nella conferenza stampa odierna è quindi che la soppressione degli Accordi bilaterali avrebbe effetti di vasta portata e a lungo termine per tutti noi.
 

Metodologia dello studio

Allo scopo di presentare al meglio gli effetti, gli autori dello studio hanno calcolato due scenari con l'aiuto di un modello strutturale macroeconomico: lo scenario di riferimento descrive lo sviluppo futuro della Svizzera mantenendo i Bilaterali I. Nello scenario alternativo, viene confrontato lo sviluppo futuro della Svizzera, senza i Bilaterali, dal 2023. La differenza tra i due scenari descrive la perdita economica.