Affacciandosi dalla terrazza del Politecnico federale di Zurigo, lo sguardo si posa sulla città vecchia, il lago di Zurigo e le Alpi. Guardare lontano. Nathaly Bachmann, imprenditrice e consulente in comunicazione di Essence Relations GmbH, parla spesso di visione quando rammenta il suo soggiorno a Madrid come studentessa Erasmus.

«Grazie al programma Erasmus ho avuto la possibilità di studiare per alcuni semestri a Madrid e questa esperienza mi ha arricchito enormemente. Scoprire un mondo nuovo, immergersi in un’altra cultura, imparare a vivere in un ambiente sconosciuto con, almeno all’inizio, conoscenze linguistiche limitate, sono tutte esperienze che ti formano. Successivamente, nel mondo del lavoro, ho volontariamente ricercato queste sfide, dedicandomi al private banking internazionale e lavorando attivamente per la rete per l’innovazione Swissnex a Singapore. In Spagna ho conosciuto persone straordinarie provenienti da tutta Europa. A Madrid ho conosciuto una ragazza svedese con la quale sono ancora in contatto. E da questa esperienza sono nate anche delle sinergie professionali. Chi ha vissuto, studiato o lavorato almeno una volta all’estero è in grado di comprendere meglio quanto siamo fortunati a vivere in un Paese con un sistema di democrazia diretta e un’economia liberale come la Svizzera. Per affermarci a livello politico ed economico in tutto il mondo dobbiamo mantenere la nostra curiosità e avere la capacità di guardare oltre il nostro naso. Un programma come l’Erasmus favorisce questo atteggiamento e gli studenti svizzeri dovrebbero assolutamente continuare ad avere questa possibilità.»

Abbiamo raccolto 10 esperienze personali con i bilaterali: leggete il nostro Storybook!