La stagione del raccolto nelle colture di ortaggi in Svizzera inizia ad aprile. Tra le altre cose, sono attualmente in fase di raccolta gli asparagi, il primo rabarbaro è maturo e anche le patate devono essere piantate ora. Al momento c'è quindi molto lavoro per i contadini svizzeri. L’abituale aiuto da parte dei lavoratori stranieri è urgente. Ma proprio in questo importante momento gli ausiliari necessari si tengono lontani dalla Svizzera: molti non vogliono lasciare le loro famiglie a causa del coronavirus. Altri non possono entrare nel Paese, almeno temporaneamente, a seguito delle restrizioni alle frontiere. Sia i produttori di ortaggi nazionali che quelli tedeschi parlano già di una possibile carenza di offerta nel caso in cui non sia possibile reclutare rapidamente personale supplementare. Anche l'Unione svizzera dei contadini (USC) è preoccupata dalla penuria di lavoratori stranieri.
 

I lavoratori del settore agricolo sono molto difficili da sostituire

Non mancano i suggerimenti e le idee per rimediare alla carenza di lavoratori qualificati. Ma il tempo è tiranno e ciò che non può essere raccolto ora andrà perduto. E ciò che non viene seminato in tempo non potrà essere raccolto in seguito. L’USC ha quindi creato una piattaforma nazionale di collocamento e l'Associazione svizzera della frutta nonché quella dei produttori svizzeri di verdura collaborano ora con la piattaforma di reclutamento del personale Coople. L'orario di lavoro dei lavoratori agricoli presenti viene prolungato, la manodopera viene scambiata tra i contadini. Inoltre, da quest'anno è in vigore l'obbligo di registrazione presso i centri regionali di collocamento per i lavoratori ausiliari in ambito agricolo. È però difficile sostituire i lavoratori ausiliari esperti con lavoratori esterni al settore. Ci vuole tempo per far entrare nei campi un numero sufficiente di persone in cerca di lavoro. Il lavoro è duro, ripetitivo, richiede molta resistenza, pratica e si svolge con ogni tipo di condizioni atmosferiche. Il salario minimo è di 3'300 franchi al mese e si lavora fino a 55 ore settimanali. Sebbene il grande interesse dimostrato dai nuovi arrivati disposti a lavorare sia molto apprezzato, l’esperienza degli agricoltori con i disoccupati di lunga durata dimostra che solo pochi resistono ai ritmi di lavoro e dopo alcuni giorni abbandonano.

Molte aziende agricole operano da molti anni con gli stessi lavoratori stagionali provenienti da Romania, Polonia, Portogallo o Spagna. Portano la necessaria competenza, conoscono le peculiarità delle aziende agricole e hanno la necessaria resistenza. Inoltre, i produttori di ortaggi hanno bisogno di rinforzi per tutta la stagione. Non appena il lavoro a orario ridotto sarà terminato e i lavoratori sostitutivi esterni al settore torneranno ai loro posti di lavoro, mancheranno nuovamente nei campi. I nuovi arrivati inesperti non possono quindi sostituire gli addetti alla raccolta professionale, ma almeno a breve termine impediscono gravi carenze nell’approvvigionamento.
 

Gli agricoltori svizzeri dipendono dalla libera circolazione delle persone

Gli agricoltori hanno già chiesto al governo federale di allentare le restrizioni all'ingresso per i lavoratori stranieri che vogliono lavorare il prima possibile. Inoltre, nell’ambito della crisi del coronavirus, la Commissione UE ha invitato gli Stati membri dell'UE a considerare esplicitamente i lavoratori agricoli come lavoratori di importanza sistemica e ad esentarli dalle attuali restrizioni di spostamento.

Secondo le stime dell’USC, dal 2018 sono impiegati nell’agricoltura fino a 35'000 lavoratori europei. La maggior parte di loro ha contratti di lavoro a breve termine da tre a nove mesi. Grazie all'introduzione della libera circolazione delle persone con l’UE, tali assunzioni sono state notevolmente semplificate. Inoltre, le misure di accompagnamento introdotte nel 2004 garantiscono il rispetto delle condizioni salariali e lavorative vigenti in Svizzera. Questo non era ancora il caso prima dell'introduzione della libera circolazione delle persone.

L'agricoltura svizzera trae enormi vantaggi dalla libera circolazione delle persone, che consente di assumere in modo semplice e rapido lavoratori temporanei provenienti dall'area dell'UE. Nel 2018, l’USC ha chiarito una cosa: "La produzione nell'agricoltura dipende dai lavoratori stranieri". È comunque deplorevole che l'associazione, a causa della sua vicinanza all'UDC, non sia stata in grado di opporsi all'iniziativa contro gli Accordi bilaterali.